ESOFAGO-GASTRO-DUODENOSCOPIA

 Si definisce endoscopia l’utilizzo di uno strumento (l’endoscopio appunto) per osservare l’interno di una cavità o di un orifizio. Il suo contributo principale nell’ambito della gastroenterologia veterinaria è quello di permettere la raccolta di campioni tessutali senza dover ricorrere alla chirurgia, pur rivelandosi altrettanto utile ai fini dell’osservazione delle alterazioni morfologiche della superficie mucosa o della rimozione di corpi estranei.

L’esofagogastroduodenoscopia è indicata principalmente per:
•  Effettuare una biopsia della mucosa gastrointestinale nei pazienti che presentano segni clinici di patologia gastrointestinale, quali vomito, diarrea, perdita di peso, anoressia o ipoalbuminemia;
•  Rilevare e rimuovere corpi estranei;
•  Rilevare un’ostruzione allo svuotamento gastrico e determinarne la causa;
•  Individuare i siti di un’emorragia nel tratto prossimale del tubo gastroenterico;
•  Ispezionare e/o effettuare una biopsia dell’esofago in quei pazienti in cui si sospetta una esofagite o lesioni anatomiche dell’esofago;
•  Dilatare stenosi esofagee benigne;
•  Agevolare il posizionamento di sonde per gastrostomia;
•  Rimuovere polipi.

Preparazione del paziente
•  Valutazione preanestesiologica completa;
•  Digiuno per almeno 24 ore prima della procedura;
•  Non bisogna somministrare nè bario nè sucralfato per 1-2 giorni prima della procedura. L’utilizzo di mezzo di contrasto di bario è controindicato in caso di ingestione di corpi estranei per la possibilità di perforazioni della parete esofagea. Si preferisce l’uso di contrasto iodato da eseguire possibilmente prima dell’esame endoscopico.

(M.D. Willard. Gli strumenti diagnostici in Jorg M. Steiner (ed.) Gastroenterologia del cane e del gatto. Milano, Elsevier 2009)












carcinoma squamoso esofago-cardias in York Shire di 9 anni

biopsia piloro cane

corpo estraneo esofageo cane

esofagoscopia CE cane

gastroscopia CE cane

duodenoscopia gatto

esofagite in corso di megaesofago

cane in corso di gastroduodenite

esofagogastroscopia gatto in corso di gastrite

incompetenza cardiale in corso di megaesofago

linfoma gastrico in un chowchow di 10 anni

reflusso biliare cane

Corpo estraneo gastrico
Ritrovamento endoscopico di un frammento di vetro in un Carlino che presentava vomito e disoressia. Il frammento è poi stato estratto endoscopicamente tramite l’ausilio di un cestello ausiliare.

Gastrite cronica
Quadro di gastrite cronica superficiale in un paziente affetto da megaesofago secondario. La mucosa superficiale presenta diffusa iperemia con minimo infiltrato linfoplasmacellulare diffuso. In sede endoscopica si eseguono diversi prelievi bioptici tra i quali diversi a livello di pilorico.

Enterite cronica
Quadro di enterite cronica linfoplasmacellulare in un cane Labrador maschio di 4 anni affetto da megaesofago secondario. Nella prima immagine si evidenzia la papilla duodenale maggiore.

Enterite linfoplasmacellulare
Quadro di moderata enterite cronica linfoplasmacellulare diffusa in fase attiva su probabile base infettiva batterica in un cane meticcio maschio di 11 anni

Laparoscopia

Toracoscopia

Servizio di Endoscopia

Centro per lo studio
   e la cura del Megaesofago


Flash Banner Placeholder.

CLINICA VETERINARIA CCMV
Orari:
Mattino
per appuntamento
Pomeriggio
15.00-19.30

Telefono: 0523.813300
Cell: 348 7392202
Mail: info@videochirurgiavet.it